SCOPRIRE SE STESSI

La scoperta di sé può essere riconosciuta come una funzione psichica complessa che si va sviluppando (come tutte le funzioni) in rapporto con qualità personali e familiari che vengono modificate dalle esperienze e dai vissuti.
Si basa su:
– capacità di riconoscere in sé le modalità di resistere alle difficoltà suscitate nel rapporto con la quotidianità e la realtà esterna;
– possibilità di verificare i cambiamenti personali che si vanno organizzando;
– non limitarsi a subire le proprie risposte istintive, ma di valutarle nella loro valenza positiva e/o negativa, in modo da adattarle sempre più alla realtà.
Queste osservazioni fanno pensare a meccanismi di resilienza che abbiamo già messi in relazione con l’organizzazione libidica, emotiva, affettiva, intuitiva e razionale. La resilienza si va modificando in rapporto con i meccanismi mentali messi in atto in diversi momenti dello sviluppo psichico.
Saper investire in qualità è caratteristica delle persone di successo che sanno anticipare la comprensione del futuro e che posseggono una capacità speciale che li differenzia dalla “massa” degli Altri.
Nello scenario di crisi che dobbiamo affrontare e spesso anche subire, diventa sempre più necessario esplorare e comprendere le nostre potenzialità, le competenze ed i ricorsi psico-mentali interni che permettono di trovare altre opzioni. La “necessità” umana più importante ed emergente sta diventando quella di saper cambiare i paradigmi, la preparazione culturale, l’addestramento per la vita.
Pensare, sentire ed agire in modo “adeguato” ed in sintonia con i nostri principi ed i nostri valori, serve per arrivare a nuovi e più adeguati disimpegni di vita, a organizzare modelli operativi che ora si fondano sulle basi della Timologia e della Resilienza.
Queste funzioni psichiche che agiscono nell’oggi per il domani, aumentano drasticamente le capacità di difesa e di organizzazione psico-affettiva, entrando nei processi di relazione interpersonale. Si tratta di ridisegnare radicalmente e creativamente la nostra condotta, le percezioni, il sistema rappresentazionale, le attitudini per una forma simpatica, empatica e poetica della vita, incorporando cosciente- ed incoscientemente le molteplici informazioni che ci giungono dall’esterno, con l’obiettivo non solo di raggiungere miglioramenti, ma di produrre un “senso quantico di evenienze, una rottura di barriere che per tanti anni ci hanno inibiti, che hanno contribuito formalmente alla nostra formazione personale e professionale. Il modello per lo sviluppo personale riguarda tecniche che insegnano il rispetto per come percepiamo la realtà, per come ci relazioniamo e comunichiamo ed anche per come scopriamo i nessi più idonei per superare le difficoltà (resilienza), per raggiungere le nostre mete, per rispettare i nostri valori ed affrontare le nostre stesse sfide per la mente.

LA VOLONTÀ CHE SPOSTA LE MONTAGNE . . . CONOSCERE PER CONOSCERSI
.. Ricorda che dobbiamo essere sempre noi stessi a dare il primo passo se non vogliamo essere schiavi delle decisioni altrui.
.. Vivere il mistero dell’amicizia che sa dare di più proprio nei momenti di maggiore difficoltà.
.. Non credere che razionalmente possiamo risolvere tutto: la mente comprende le apparenze; solo con l’amore si può arrivare a conoscere il vero significato delle cose.
.. Non credere mai di avere fatto troppo perché il risultato non si raggiunge solamente con lo sforzo.
.. Credere in se stessi, nelle proprie potenzialità e nelle capacità che si sviluppano con l’applicazione, la volontà ed un indomito coraggio.
.. Vivere positivamente la percezione che con l’aiuto dell’Altro si possono raggiungere obiettivi insperati ed anche una maggior pienezza di sé.
.. Ricordare sempre che se ci lasciamo guidare dai “bisogni”, ci troveremo sempre nell’impossibilità di conoscere la nostra verità più intima.
.. Bisogna credere nelle proprie verità se si vuole comprendere le verità altrui.
.. Le vere scelte, quelle che portano a raggiungere le vette più alte, nascono dalla  volontà che guida il cammino verso gli obiettivi.
.. Dobbiamo vivere coscientemente che lavorare in gruppo rende molto di più che sforzarsi da soli.
.. La vera schiavitù è lasciarsi dominare da sensi di onnipotenza e da prevenzioni egocentriche.
.. Chi cede la prima volta cercherà mille giustificazioni per coprire tutte le disillusioni successive.
.. Chi guarda sempre in basso rischia di non vedere mai il cielo … neppure quando è sereno.
.. La grandezza dell’uomo sta nel riuscire a credere nella forza che sprigiona la collaborazione.
.. Sentirsi parte di un progetto è il vero mezzo per credere in se stessi ed essere certi del risultato.
.. La vera amicizia non è solo un sentimento rivolto verso l’Altro perché è anche un aprirsi alle esperienze più elevate.
.. Non credere mai d’aver esaurito il tempo: spesso facciamo in un minuto quello che non abbiamo raggiunto in una vita.
.. L’amicizia sa far cambiare gli obiettivi e spesso anche il “destino”.
.. Credere ed amare sono sempre delle opportunità che riempiono di significato le ore della speranza.
.. Più fai e più ti rendi conto che sempre manca qualcosa: la saggezza sta nella mano di chi ti accompagna.
.. Il lavoro indefesso dà senso di potere, ma i grandi obiettivi si raggiungono “… insieme”!
.. Non aspettare che qualcuno ti dica “… seguimi!”; metti sempre davanti i tuoi desideri!
.. Credere in un obiettivo è già essere alla metà del cammino!
.. Quello che fa la ragione in un anno, lo fa la volontà in un solo giorno!
.. Se riempiamo la vita di “sogno” scopriamo l’immensità delle nostre potenzialità
.. Mettere i sogni nelle palme delle mani è creare la grandezza del futuro!
.. La migliore strategia non è saper fare mille cose, ma farne poche senza perder tempo per guardare le chimere!
.. La creatività non è dispersione, ma saper cogliere un senso sempre più profondo ed un obiettivo sempre più completo.
.. Non ingannare mai se stessi per non rischiare di cercare di ingannare gli altri.
..• stare insieme significa … agire insieme
..• farsi conoscere piuttosto che farsi approvare
..• non è sufficiente sapere per essere felici
..• se vuoi essere te-stesso, considera se vale la pena essere diversi
..• poni sempre davanti a te il motto per la vita: IO POSSO
..• per sapere chi sei … guardati negli altri
..• ricorda che tu sei molto di più delle tue sconfitte, ma anche … delle vittorie
..• crea ogni giorno una speranza nuova
..• per “amare” qualcosa devi … viverne la mancanza come insopportabile
..• “amare” è riempire l’Altro di Valori
..• “amare” è desiderare perché se ne sente la mancanza
..• Ricordare che la “verità” sta sempre nell’occhio dell’Altro.
..• la volontà segue sempre quello che hai già desiderato
..• partecipare è il fondamento per attivare un cambiamento
..• le migliori idee non hanno valore se non le fai conoscere!
..• Aspettare il momento favorevole non è mai tempo sprecato.
..• Credere in noi stessi è la migliore strategia per scoprire un amico.
..• La “povertà di un amico” è il fallimento delle nostre potenzialità.

 

 

Leggere la gente

La gente non ama i falsoni, non si fida di loro.
Nel mondo degli affari è abbastanza facile mettersi una maschera, o anche più d’una, a seconda delle situazioni, molta gente si comporta in un modo con i subordinati, in un altro con i superiori, e in uno totalmente diverso, con le persone con cui non ha rapporti di lavoro.
Il vero io della gente, la vera natura, non può cambiare camaleontescamente colore per adattarsi ai vari ambienti; in qualunque situazione d’affari, prima o poi, o subliminalmente o palesemente, scopriremo che si sta trattando con il vero io di quella persona.

Ci sono persone che utilizzano, nelle varie occasioni, le stesse parole, le stesse sei o sette frasi, è come se parlassero a dei manichini, invece che a gente in carne ed ossa; hanno un repertorio di frasi standard da rivolgersi a qualunque tipo di persona incontrino.
Ci sarà un momento in cui vorremo sentire cosa ha davvero da dire quella gente, aldilà delle chiacchiere; vorremo essere in grado di situare le azioni di qualcuno, le sue personali attività affaristiche, nel più ampio contesto del carattere.
Che io venda o compri, che assuma o sia assunto (anche in qualità di consulente), stia negoziando un contratto o adempiendo alle richieste di qualcuno, io voglio sapere chi è l’altra persona.
Cerco il suo vero io, convinto che le situazioni d’affari sono sempre situazioni di persone.
Più ne so, e prima ne so, sulla persona con cui ho a che fare, con più efficacia potrò agire.
Ognuno ha il suo metodo per leggere la gente, chi si basa sulla prima impressione, chi sulla reazione a domande o situazioni “imbarazzanti”, chi prevalentemente orientandosi al “fare” e chi, invece, “all’essere”.
Imparare a leggere la gente richiede pochi gradini fondamentali:
1. Ascoltare aggressivamente (quel che dicono, e come lo dicono);
2. Osservare aggressivamente (non c’è bisogno di leggere un libro sul linguaggio del corpo per interpretare certe mosse e certi gesti);
3. Parlare meno (impareremo di più, sentiremo più cose, ne vedremo di più … e faremo meno stupidaggini);
4. Dare un’altra occhiata alla prima impressione (basiamoci su di essa, ma esaminiamola a fondo, non accettiamola superficialmente … valutiamo situazione, contesto, ecc.);
5. Prendersi il tempo di “usare ciò che si è imparato” (pensare a cosa ci proponiamo e quale reazione vogliamo ottenere dall’altro);
6. Essere discreti (non dire all’altro quanto pensiamo che sia insicuro, ovvero quello che abbiamo percepito come suo errore, ecc.)
7. Essere distaccati (riuscire a fare un passo indietro, soprattutto in situazioni che stanno diventando calde, aumenterà il nostro potere d’osservazione in modo automatico. Quando qualcuno si scalda, si scopre. Se ci scaldiamo anche noi, ribattendo colpo su colpo, vedremo di meno e mostreremo di più).
E’ importante agire, piuttosto che reagire, nelle situazioni d’affari, e non solo in quelle.
Agire invece di reagire ci permette di usare veramente quello che abbiamo appreso, ci permette di convertire le percezioni in “poteri” di controllo della situazione.
Quando reagiamo, invece di fare per primi il passo indietro, stiamo probabilmente gettando via questo potente vantaggio.
Se non reagiamo, non possiamo reagire in maniera eccessiva: saremo i controllori e non i controllati.

Comprendere le nostre paure

È il primo passo fondamentale per affrontarle. Vi presentiamo un sondaggio esclusivo sulle angosce più diffuse e le riflessioni stimolanti di una filosofa. Speranza e paura. Queste due parole si alternano ormai nelle conversazioni con amici e conoscenti. Il mondo sembra una grande incubatrice di nuove paure, che paralizzano e rendono difficile guardare al futuro con fiducia. La paura si annida dappertutto, può essere un attentato terroristico, un terromoto, una recessione in borsa, un nuovo virus. O, ancora, la minaccia del nucleare, il degrado ambientale, la manipolazione genetica del corpo, cresce un sentimento di insicurezza, generata dalla percezione della perdita di controllo sugli eventi che caratterizza l’eta globale. Accanto a queste inquietudini pubbliche si aggiungono le preoccupazioni e l’insicurezza che riguardano la nostra soggettività. Le nostre paure quotidiane, piccole e grandi. La paura di ammalarsi, di perdere il lavoro, di rimanere soli, di invecchiare. Che ognuno di noi vive in modo più o meno intenso. Ne abbiamo parlato con la filosofa Elena Pulcini. Una riflessione stimolante che ci aiuta a decriptare le nostre paure, e farle diventare una forza essenziale per la nostra vita. Perché ciascuno di noi ha vere ragioni di credere in se stesso e avere fiducia nell’avvenire.

Conoscere i propri bisogni

Potremmo avere il lavoro migliore e più pagato del mondo, ma se sentiamo di preferire qualcosa di meno accattivante e remunerativo, non prospereremo, così come non può finire bene una storia d’amore con la persona sbagliata: non possiamo avere il vero successo se ci troviamo in situazioni contrastanti con le nostre esigenze intime.
Talvolta, identificare ciò che preferiamo, è un processo per tentativi ed errori.
Quando siamo inquieti e insoddisfatti, quando, seppur tutti gli altri ci dicono che abbiamo una vita invidiabile, ci sentiamo come in un vestito estremamente stretto, questo è il momento in cui occorre, come diceva Allen Ginsberg “seguire il proprio chiaro di luna interiore”.

 

In altre parole è il momento di dar retta al proprio “cuore”, più che alla propria “testa”, cercando quello che può renderci felici, certi che al tempo stesso ci darà prosperità.
Il nostro cuore è la nostra forza vitale e non solo perché pompa il sangue nel nostro corpo, il nostro cuore, “spiritualmente”, racchiude la nostra motivazione, ospita l’ispirazione e la passione.
Occorre capire come possiamo dare il meglio a noi stessi ed agli altri.
Rispondersi alle domande che seguono può aiutare a considerare i diversi fattori che influenzano la nostra vita ed il nostro senso di maggiore o minore appagamento.
1. Lavoro meglio da solo o in gruppo?
2. Mi piace sperimentare il nuovo o sono per la routine?
3. Apprezzo un orario flessibile o mi trovo meglio con uno schema fisso?
4. Le figure autorevoli (superiore, guida, genitore) mi riescono gradite oppure ne farei a meno?
5. Preferisco incarichi diversi o sempre dello stesso tipo?
6. Ascolto le opinioni altrui o seguo il mio istinto?
7. Rispettare gli orari mi riesce facile o mi causa problemi?
8. Sul lavoro rendo di più al mattino, al pomeriggio o a notte fonda?
9. La stimolazione visiva è importante per me?
10. Sono più a mio agio in un ambiente frenetico o in uno calmo?
11. Sento di avere più energia all’aperto o al chiuso?
12. Sono più attivo o contemplativo?
Alcune di queste domande (che non pretendono di essere esaustive) considerano le nostre abitudini, altre le nostre preferenze, altre ancora la nostra personalità, ma sono tutte importanti nella valutazione della strada giusta da scegliere; lavorare, e vivere, nelle condizioni per noi migliori e più congeniali, elimina i fattori negativi ed interrompe il nostro senso di instabilità.
Determinare cosa è meglio per noi è parte del sapere chi siamo.
Una volta che ci saremo riusciti, potremo creare la situazione ideale per soddisfarci e raggiungere i nostri obiettivi …. o, quantomeno, provarci.

Socializzazione

Il processo di socializzazione è il processo sociale di trasmissione e di interiorizzazione delle informazioni sulla realtà e sull’immaginario sociale (l’insieme di valori, ruoli, norme, aspettative e credenze) attraverso pratiche e istituzioni dell’organismo sociale.
La socializzazione si distingue in due fasi: la socializzazione primaria che avviene nell’infanzia e la socializzazione secondaria, meno intensa ma più diffusa, che ha luogo ogni volta che l’individuo entra in contatto con nuovi contesti del mondo oggettivo.
Le interpretazioni attorno al processo di socializzazione sono diverse: alcune sottolineano la sua funzione primaria di controllo sociale, come la corrente funzionalista, per la quale il processo è una sequenza lineare dove l’individuo si conforma all’ordine sociale. La socializzazione primaria è così il processo iniziale attraverso il quale gli individui acquisiscono le competenze di base per entrare in società (gli agenti sono: la scuola, la famiglia, gli istituti religiosi, etc.); mentre la socializzazione secondaria è l’insieme di pratiche che permettono l’acquisizione di competenze specialistiche e di ruoli diversificati che formano la differenziazione sociale. Gli agenti di questa seconda fase sono: il gruppo dei pari, l’ambiente di lavoro, la famiglia, i mezzi di comunicazione, etc.
Altre si concentrano sull’approccio critico di trasmissione della gerarchia sociale, come l’approccio marxista o quello più recente di Pierre Bourdieu, dove la socializzazione è vista in relazione alla trasmissione dei codici culturali della classe di appartenenza. La socializzazione dunque è una sovrastruttura che replica la struttura economica di base della società e contribuisce a mantenerla.
Altre ancora, come gli interazionisti simbolici, considerano la socializzazione come il processo mediante il quale avviene lo sviluppo psichico e comportamentale dell’individuo in contesti determinati dall’influenza degli altri. Al centro di questo processo, l’elemento centrale è il linguaggio, sia come trasmissione sia come contenuto della socializzazione, in quanto depositario dell’esperienza delle generazioni passate, la quale viene così attinta oggettivamente e che ogni coscienza individuale recepisce e fa propria.

Perché la gente compra

Alla gente non piace farsi vendere qualcosa, ma adora comprare.
(Dale Carnegie)

L’esperto venditore sa che il suo compito principale è creare un’atmosfera che invogli la gente a comprare; se siamo simpatici, affidabili, ispiriamo sicurezza, infondiamo fiducia, allora è possibile che acquistino da noi.
La domanda “Perché la gente compra” è mille volte più importante di “Come devo vendere”!
Le aziende spendono tante ore e tanti soldi per insegnare ai propri dipendenti “come vendere”, e non un solo minuto su “perché la gente compra”.

 

Magari crediamo di sapere perché la gente compra, ma non facciamo nulla per capirlo appieno. I primi segnali d’allarme che dovrebbero dimostrarci che non abbiamo idea del perché la gente compra sono:
a) Riceviamo obiezioni sul prezzo
b) Dobbiamo inviare (rinnovare) continuamente offerte e proposte
c) Ci dicono che sono soddisfatti del loro attuale fornitore
d) Nessuno ci richiama
e) Ci lamentiamo che l’economia ristagna e influenza il nostro business
Se tutto questo ci è familiare ….. riflettiamo.
Ora presenterò una serie di risposte alla domanda “Perché la gente compra” …. Nulla di trascendentale, ma le ho sentite dalla viva voce di clienti di tutti i tipi.
1) Mi piace il venditore (la simpatia è l’elemento fondamentale in un rapporto di vendita; se piaci ispiri fiducia, la fiducia porta all’acquisto, l’acquisto porta ad un rapporto)
2) Capisco ciò che sto comprando
3) Avverto qualcosa in più nella persona e nell’azienda da cui compro
4) Percepisco il valore del prodotto che sto acquistando
5) Credo al venditore
6) Ho fiducia nel venditore
7) Mi affido al venditore
8) Mi trovo bene con il venditore
9) Sento che i suoi prodotti e servizi corrispondono alle mie esigenze
10) Il prezzo sembra buono, ma non necessariamente il più basso
11) Ho l’impressione che il suo prodotto o servizio aumenterà la mia produttività
12) Ho l’impressione che il suo prodotto o servizio aumenterà i miei guadagni
13) Ho l’impressione che il venditore cerchi di aiutarmi a migliorare i miei affari per migliorare anche i propri. Il venditore è una risorsa preziosa per me.
Vendere????? Ricordati, il tuo cliente vuole comprare!!!! (J. Gitomer)
Per scalare la vetta del “successo” nelle vendite in quale direzione ci stiamo muovendo?
Diamoci un valido suggerimento: per raggiungere la vetta dobbiamo metterci il cuore nel nostro lavoro.

Sviluppare la Follorwership per esercitare la Leadership

 DOWNLOAD SCHEDA – Follorwership e Leadership

Area di riferimento
Management
Obiettivi dell’intervento
Sviluppare la followership non solo prepara a esercitare al meglio la leadership, ma consente di conoscere se stessi – sviluppare il senso di responsabilità sia nell’esecuzione, che nella proposizione – prendere confidenza con il proprio superiore, anticipando le sue richieste – comprendere meglio il proprio ruolo – essere un membro del team, ma non uno yes man.
L’intervento si propone di migliorare le seguenti aree critiche di successo:
a.      Relazione tra leadership e autorità
b.      Risposta immediata e spirito di iniziativa
c.       Osservare e riconoscere i principali fenomeni della dinamica di gruppo
d.      Capire i bisogni del gruppo e come soddisfarli

Realizzato e realizzabile per
Manager, quadri e team leader
Timing
3 moduli della durata di 1 giornata (a distanza di 3/4 settimane l'uno dall'altro)
Modalità d’erogazione
Didattica interattiva.
Erogabile per gruppi composti da un minimo di 4 partecipanti, sino a un massimo di 12 partecipanti.
Principali argomenti
La relazione leader (Capo) follower (Collaboratore);
Consapevolezza e gestione di sé;
Consapevolezza sociale;
Gestione delle relazioni interpersonali (comportamenti accettabili e inaccettabili);
Gli stili della leadership;
Dal riconoscimento alla soluzione di problemi concreti;
Il leader come manager e il leader come coach;
Organizzare riunioni efficaci, motivanti e coinvolgenti – partecipare attivamente;
Management e coaching pragmatici;
La gestione delle criticità e dei conflitti;
Ricevere una delega, dare una delega: cosa fare e cosa non fare;
Team Building.

Nota a margine: in questa scheda è unicamente rappresentata una “traccia di sintesi” in quanto ogni nostro intervento è sempre personalizzato in funzione della esigenze del Cliente (obiettivi, contesto, circostanze, risorse coinvolte, timing, risultati attesi).

Le nostre attività si sviluppano coerentemente ai contesti esperienziali dei partecipanti.

Per valutare una proposta di progetto di formazione su misura: o.castellani@pr3online.it

Parla con la voce del leader (come generare impatto in ogni comunicazione)

DOWNLOAD SCHEDA – Parla con la voce del leader

Area di riferimento
Management e Relationship's Dynamics
Obiettivi dell’intervento
Permettere l’efficace utilizzo della “comunicazione” a più livelli, con particolare riferimento alla gestione delle risorse e alla collaborazione tra i manager stessi.
Condividere azioni e comportamenti utili  alle prerogative manageriali, allo sviluppo della leadership nella gestione delle situazioni critiche e/o conflittuali.
Realizzato e realizzabile per
Top management, middle management, quadri intermedi, responsabili di unità periferiche
Timing
2 moduli della durata di 1 giornata (il secondo a distanza di 2/3 settimane dal primo)
Modalità d’erogazione
Work shop intervallato da momenti formativi e di light coaching.
Erogabile per gruppi composti da un minimo di 4 partecipanti, sino a un massimo di 12 partecipanti.
Se richiesto, a questa attività potrà seguire un coaching ad personam.
Principali argomenti
Verifica, confronto e condivisione delle aree di forza e di miglioramento personale;
Autovalutazione delle proprie attitudini relazionali e manageriali;
Management – Leadership – Coaching;
Comunicare per gestire e motivare le controparti;
Management e coaching pragmatici;
La gestione delle criticità e dei conflitti.

Nota a margine: in questa scheda è unicamente rappresentata una “traccia di sintesi” in quanto ogni nostro intervento è sempre personalizzato in funzione della esigenze del Cliente (obiettivi, contesto, circostanze, risorse coinvolte, timing, risultati attesi).

Le nostre attività si sviluppano coerentemente ai contesti esperienziali dei partecipanti.

Per valutare una proposta di progetto di formazione su misura: o.castellani@pr3online.it

 

Imparare a essere leader

 

 DOWNLOAD SCHEDA – Imparare a essere leader

Area di riferimento
Management

Obiettivi dell’intervento
La Leadership non è una scienza del comportamento; la Leadership è ispirare o animare.
Ispirare significa trasmettere lo spirito, animare significa dar vita.
Un’introduzione alla leadership grazie alla quale, grazie a un approccio chiaro e comprensibile, i partecipanti potranno affinare le qualità utili a  motivare i colleghi, gestire i progetti, vendere idee, influenzare le persone.

Realizzato e realizzabile per
Imprenditori. dirigenti, quadri e team leader

Timing
2 giornate, anche non consecutive

Modalità d’erogazione
Didattica interattiva.
Erogabile per gruppi composti da un minimo di 4 partecipanti, sino a un massimo di 12 partecipanti.

Principali temi a supporto degli obiettivi
Leadership qualità innata o che può essere sviluppata?;
Le basi della leadership: conoscere se stessi e sapere come influenzare gli altri;
Atteggiamento positivo: l’atteggiamento positivo nella vita di tutti i giorni e nella vita professionale;
Il problem solving positivo;
Gestire al meglio il tempo;
Apprendere la leadership e imparare le regole del gioco;
Dirigere ai livelli intermedi;
Focus sulle persone: motivazione e momenti di verità;
Coaching produttivo;
Gestione dei conflitti, delle crisi e dei rischi;
Gestione dei progetti e delle riunioni.
Gestione del cambiamento;
Saper Comunicare: parlare, ascoltare, scrivere, leggere

Nota a margine: in questa scheda è unicamente rappresentata una “traccia di sintesi” in quanto ogni nostro intervento è sempre personalizzato in funzione della esigenze del Cliente (obiettivi, contesto, circostanze, risorse coinvolte, timing, risultati attesi).

Le nostre attività si sviluppano coerentemente ai contesti esperienziali dei partecipanti.

Per valutare una proposta di progetto di formazione su misura: o.castellani@pr3online.it

Chiamate a freddo e closing telefonico

Parlare di telemarketing e teleselling, significa riconoscere l’importanza di mantenersi in contatto con i propri clienti e di entrare in relazione con prospect qualificati e clienti potenziali.
Che si tratti di: Informare e/o fissare appuntamenti – Promuovere un’azione commerciale, un prodotto o un servizio – Concludere o monitorare un processo di vendita in seguito a un precedente colloquio – Verificare la soddisfazione e/o chiedere referrals le possibilità di “chiusura” grazie allo strumento telefonico, sono seconde solo al contatto personale.
Il corso che proponiamo (realizzabile anche come work shop o coaching individuale o per piccoli gruppi) è un approccio molto efficace per massimizzare le competenze di vendita telefonica al fine di aumentare velocemente i contatti qualificati, grazie a un metodo  efficace e replicabile.

Per saperne di più  guarda il programma del corso Chiamate a freddo e closing telefonico